post

La magia del Monte Rite

Imbocco un sentiero largo che si arrampica dolcemente sulle pendici del Monte Rite; alle 9 di mattina, al Passo Cibiana, non c’è nessuno, si sente solo il mio respiro e il crepitio degli scarponi.
È una giornata splendida, cammino spedito, sorvegliato dai contrafforti del gruppo del Bosconero; mano a mano che si sale ti si staglia davanti, imperiosa, la vista del Civetta ma è giunti alla forcella Deona a m 2053 che si ha il primo assaggio di un panorama mozzafiato sulla valle del Boite e sul Pelmo.

Un ultimo saluto al Pelmo  Civetta

Altri 10-15 minuti e sono in vetta e realizzo subito perchè Reinhold Messner ha scelto proprio questo posto per costruire il suo famoso Museo delle nuvole: la vista è da togliere il fiato, non basterebbero mille parole per descrivere le sensazioni che si provano, dovete per forza andarci.
In cima tira un vento gelido ma quasi non lo si sente, il tempo si ferma e i pensieri si annegano in cotanta bellezza: Antelao, Pelmo, Civetta si mostrano in tutta la loro maestosità.

monte Rite

Un consiglio: fate questa escursione fuori stagione, sì perchè d’estate non c’è la stessa pace, il via vai incessante delle navette rompe la magia di questi posti

Verso la cima  Civetta

Altre avventure

2 thoughts on “La magia del Monte Rite

  1. Il Rite e’ bellissimo. Mi ci ha portato mio papa’ durante le vacanze di Natale. Siamo saliti per il sentiero della Val Inferna con in spalla la slitta, sbucando a forcella Deona e poi da lì fino in cima. E poi giu con la slitta lungo la strada !! Ciao Superale, Vittorio u12 Benetton rugby.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *